Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /home/jerzy1s1/domains/anticheopinioni.it/public_html/wp-content/plugins/wp-cufon/wp-cufon.php on line 66

II Esercito italiano

II Esercito italiano
La II Armata italiana era un raggruppamento del Regio Esercito (Regio Esercito italiano) durante il VENTESIMO secolo è stato destinato per eseguire tutti i tipi di operazioni nei Balcani. Durante la Prima Guerra Mondiale, combattuta in tutto il confine con la Slovenia, mentre nella Seconda Guerra Mondiale avrebbe occupato la Jugoslavia tra il 1941 e il 1943.Per entrare in Italia nella Prima Guerra Mondiale contro l’Austria-Ungheria, nel Maggio del 1915 venne eretto nel II italiano Esercito sotto il comando del generale Pietro Fugoni. A differenza di quanto accaduto con altri gruppi che sono rimasti statici nella parte Anteriore delle Alpi, la II dell’Esercito italiano, guidato dal generale Luigi Capello ha vinto alcuni giochi in austro-ungarico conquista di italia e Slovenia la città di Goritzia e Bainsizza nel 1916; anche se durante la Battaglia di Caporetto che ha portato all’intervento dell’Esercito tedesco nel 1917 è stato completamente circondato e distrutto, il che significava la sua totale dissoluzione.

Seconda Guerra Mondiale

Seconda Guerra Mondiale
Fino al 1941, la II Armata italiana non più essere riattivato per ordine di Benito Mussolini con lo scopo di invadere la Jugoslavia nel quadro della Seconda Guerra Mondiale. Distribuito tra Venezia e l’Istria, la loro nuova unità formate il V Corpo con due divisioni di fanteria, il VI Corpo con quattro, l’XI Corpo di tre, il Motore Corps, con due divisioni motorizzate, e una corazzata, e il Corpo di Cavalleria con tre montata.

Quando il 6 aprile del 1941 l’Italia ha iniziato l’invasione della Jugoslavia, l’anticipo della II Armata italiana sotto il comando del generale Vittorio Ambrosio è stato travolgente, grazie a quella precedentemente agenti sotto copertura, hanno salutato le unità dell’Esercito croato Royal popolo Jugoslavo si alzò e fece stragi nella parte posteriore, in cambio della promessa di una Croazia indipendente e sovrano. Sulla scia del caos causato, le truppe italiane occuparono la Slovenia, il 9 aprile, penetrato in Dalmazia, il giorno 10 e preso il porto vitale di Ragusa, il 12, che termina la conquista tutta la Jugoslavia con le altre forze dell’Asse, il 17 aprile 1941.

“Bersaglieri”

“Bersaglieri”

Occupato la Jugoslavia nella primavera del 1941, la II Armata italiana distribuito le sue forze su Dalamcia e l’ovest della Slovenia, tra le province di Zara, Spalato e Cattaro, e di stabilire la sua sede in Susak. Da allora, gli italiani sarebbero combattere la guerriglia comunista, guidato dal generale Josip Tito per distribuire la loro unità nel modo seguente: il V Corpo a Dubrovnik con tre divisioni di fanteria e una brigata di costa; l’XI Corpo con tre divisioni di fanteria e una divisione mobile a Lubiana; e il XVIII Corpo con tre divisioni di fanteria, divisione mobile e una brigata di costa a Spalato. Tutte queste divisioni è calato di circa il 14,300 un minor numero di soldati divisi in tre reggimenti con tre battaglioni di fanteria e di artiglieria, oltre rispettive unità, motociclisti e speciali “Bersaglieri”, così come le divisioni mobile, e comprendeva due reggimenti di cavalleria, e 61 carri leggeri.

Alla fine del 1941, tra settembre e dicembre, la II Armata italiana combattuto contro i partigiani jugoslavi della Repubblica di Uzice, Serbia, dove il 32 ° Divisione di Fanteria “Marche” sono stati sfrattati con la forza dai guerriglieri dell’est Erzegovina. L’anno seguente, tra il Marzo e il giugno 1942, ha sottolineato, in particolare, il 22 ° Divisione di Fanteria “Cacciatori delle Alpi” con la conquista di Kalinovik e il successo di evacuazione della Zona di Sicurezza 3 prima di cadere nelle mani del titistas. Anche durante la Battaglia del Fiume Neretva, tra gennaio e Marzo 1943, II italiano Esercito sotto il comando del generale Mario Roatta 12 ° Divisione di Fanteria “Sassari”, il 13 ° Divisione di Fanteria “Re”, la 15 ° Divisione di Fanteria “Bergamo”, il 32 ° Divisione di Fanteria “Marche”, 57a Divisione di Infanería “Lombardia” e 154th Divisione di Fanteria Murge”, ha combattuto con coraggio per i partigiani in tutta la provincia di Erzegovina, concedendo un numero elevato di vittime tra morti e feriti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *